Abbracci gratis alla stazione

Questa mattina all’arrivo alla stazione di Santa Maria Novella a Firenze ho trovato dei simpatici cartelli che segnalavano la possibilità di ricevere “abbracci gratis”. Ero da poco sceda dal treno nel quale ho schiacciato un bel pisolino per cui quando sono uscita dalla stazione stavo praticamente dormendo in piedi. Mi sono accorta dei cartelli perchè un signore che camminava poco avanti a me è tornato indietro per fare una foto. A quel punto ho messo a fuoco anche io e scattato un paio di foto.

Abbracci gratis alla stazione 2

I cartelli erano tradotti in diverse lingue e sono dislocati in più punti della città. Però, sarà stata l’ora del mattino o la “freddezza” che contraddistingue a volte i fiorentini, ma tutti guardavano con scetticismo i cartelli e nessuno si abbracciava!

Andando su Wikipedia si scopre che l’iniziativa è nata a Sidney nel 2004 e si è diffusa in molte altre città del mondo. A fine Aprile si è svolta anche a Venezia e poche settimane fa a Roma.

In particolare però, l’iniziativa di Firenze è legata alla Giornata Mondiale dell’Ambiente che ricorre oggi 5 Giugno. L’istallazione è stata realizzata da Treedom, una start up di giovani professionisti e studenti che si occupa di promuovere progetti di riforestazione nel sud del mondo in collaborazione con l’assessorato del Comune all’Ambiente di Firenze (maggiori informazioni qui).

Su Twitter è possibile seguire cosa ne pensano gli utenti cercando l’hashtag #freehugs:

Vediamo se all’uscita dall’ufficio questo pomeriggio riesco a farmi dare un abbraccio! 🙂

2 thoughts on “Abbracci gratis alla stazione

  • June 6, 2013 at 6:28 am
    Permalink

    Anche a me é capitato tempo fa. Però i cartelli etano retti da giovani che gli abbracci li dispensavano

    Reply
    • June 6, 2013 at 7:46 am
      Permalink

      Si ma se ho capito bene, essendo l’iniziativa legata alla Giornata Mondiale dell’Ambiente, questa volta gli abbracci li “dispensavano” gli alberi! 😉

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *