Chiamalo sonno!

In questo secondo lunedì lavorativo del 2013, dopo il mio viaggetto di un’ora e venti minuti in treno, mi sono svegliata e stupida per la profondità del sonnellino appena fatto. Davvero, avevo dormito come se fossi stata a casa nel mio letto.

Quando riesco a dormire così provo innanzitutto grande soddisfazione. Il secondo pensiero che mi assale però è: avrò russato? avrò dormito con la bocca spalancata? prodotto versi strani? parlato nel sonno? A volte al mio risveglio qualche passeggero mi guarda mentre mi preparo per scendere e questo mi fa sempre venire grossi dubbi.

Ciliegina sulla torna, arrivo in ufficio e trovo questa gallery sul sito di Repubblica. Fa riferimento ad un account su Twitter (Sleepy Commuters) al quale ognuno può inviare foto di pendolari addormentati nelle posizioni più strane e buffe nei vari mezzi di trasposto.

Pubblico qui la foto che preferisco giusto per darvi un piccolo assaggio, con il timore che prima o poi qualcuno invierà una mia foto a Sleepy Commuters!

dorme in metro

Qui trovate la gallery completa. Buon divertimento!

5 thoughts on “Chiamalo sonno!

  • January 14, 2013 at 12:38 pm
    Permalink

    Qui trovate altre immagini dall’account Twitter di Sleepy Communters. Quando si dice “stress da pendolarismo”!

    Reply
  • January 14, 2013 at 8:46 pm
    Permalink

    Non ci credo. Le foto sono uno soasso. Ma é gente narcolettica per dormire cosí. Anche a me capita di addormentarmi profondamente in treno… Speriamo bene!

    Reply
    • January 15, 2013 at 7:59 am
      Permalink

      Già speriamo bene! Io dormo molto spesso in treno e sono ad alto rischio immortalazione!

      Reply
  • January 15, 2013 at 7:21 am
    Permalink

    io non dormo quasi mai sul treno… non ci riesco, confesso che certe volte non ho resistito e ho fotografato con il cellulare diversi pendolari addormentati in pose diciamo… plastiche >:-D però finora non ho avuto il cuore di pubblicarle O:-)

    Reply
    • January 15, 2013 at 8:02 am
      Permalink

      Secondo me invece un cuore l’hai avuto e come! E per questo, a nome dei pendolari che si addormentano pesantemente in pose plastiche, ti dico grazie! 😉

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *