#faicomefossiacasatua: in treno come a casa

Come tutti i pendolari avranno notato, capita spesso di trovare viaggiatori che in treno si rilassano e si sentono talmente a loro agio da comportarsi quasi come fossero a casa loro.

#faicomefossiacasatua

Quando vedo persone che si tolgono le scarpe e appoggiano i piedi sul sedile, quando alcuni viaggiatori scambiano il vagone per il loro ufficio dando vita a numerose conference call (perché ora va di moda dire così) o quando coppie di amanti si lasciano andare ad attenzioni amorose che personalmente preferirei proteggere all’interno della mia sfera privata, il primo pensiero che ho è “ma fai pure come se fossi a casa tua!”.

E’ da qui che nasce l’hashtag che utilizzo quando riesco ad immortalare questi viaggiatori: #faicomefossiacasatua. Dopo che Gloria, una delle stoiche pendolari da una vita intervistata settimane fa, mi ha detto di trovare piacevole questo hashtag ho deciso di dedicargli un intero album fotografico nella pagina Facebook di Vita da Pendolare.

Vi invito ad utilizzare l’hashtag #faicomefossiacasatua tutte le volte che vi trovate di fronte a persone che sono veramente a loro agio in treno, forse troppo. Nel frattempo, godetevi la gallery fotografica pubblicata su Facebook, destinata sicuramente ad essere costantemente aggiornata!

5 thoughts on “#faicomefossiacasatua: in treno come a casa

  • November 11, 2014 at 10:03 pm
    Permalink

    Molto carino! chissà, magari dopo le tante ore passate a fare i pendolari, arrivati in treno ci si sente un po’ come a casa … speriamo a casa abbiano l’abitudine di lavarsi i piedi prima di metterli sul divano 🙂

    Reply
    • November 12, 2014 at 12:20 pm
      Permalink

      Sì, sicuramente anche io mi sento un po’ come a casa quando trovo il mio solito posto libero e magari una volta accomodata ci schiaccio anche un bel pisolino. Però ecco, mi fermo lì. 😉

      Reply
  • Pingback: Capotreno, una di noi! | Vita da Pendolare

  • November 24, 2014 at 5:12 pm
    Permalink

    Io pendolo su Italo tra Firenze e Roma e ho anch’io una collezione di comodi cafoni (come li chiamo io). L’ultimo che ho fotografato aveva le braghe calate. Peccato non potervi postare la foto qua.

    Reply
    • November 24, 2014 at 5:17 pm
      Permalink

      Che peccato non avere una foto a testimonianza! Certo che le braghe calate mi mancavano.. Se ti capita di trovarti di fronte a “perle” di questo tipo puoi sempre postare la foto sul profilo FB di Vita da Pendolare e usare gli hashtag #faicomefossiacasatua e #vitadapendolare. Ti ospiterò volentieri! 🙂

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *