Il sabato del pendolare (cit. Pendolo0)

Lo scorso weekend Pendolo0 ha pubblicato un post nel quale ha descritto il sabato del pendolare, tanto atteso e desiderato. Riporto un breve estratto:

“Sabato mattina la sveglia tace, ma mi sveglio lo stesso alle sei, per l’abitudine. Mi ostino a rimanere a letto fino alle otto e mezzo. Quando mi alzo, mi sento un po’ in colpa. Ancora in pigiama, gironzolo un po’ per casa, non sono abituata a vederla con la luce naturale del giorno, ci sono un sacco di cose da fare e sono già le nove. Il sabato mattina passa “a fare le faccende”, come diceva la mia nonna: pulizie dappertutto, caricare la lavatrice, tendere i panni e infine, come nei videogiochi, il mostro finale, il ferro da stiro. Per rimettermi in pari da tutte le incombenze domestiche non mi basta la mattinata del sabato e sconfino inesorabilmente nel pomeriggio. Un attimo, che ore sono? Di già? Ma è tardissimo! Abbiamo fissato di trovarci con degli amici a cena, devo ancora fare la doccia, lavarmi i capelli e vestirmi… La serata è piacevole, il locale è carino, i nostri amici hanno un sacco di cose da raccontarci, ma io verso le nove e mezzo inizio già a sbadigliare. Il maledetto orologio biologico del pendolare, anche il sabato sera vuole dire la sua. Mi sforzo di rimanere sveglia, cerco di dissimulare il sonno, con notevole sforzo resisto fino a fine serata.”

Sì, il nostro sabato è questo. Io però quando penso di riposarmi lo faccio davvero! Per me l’orologio biologico del pendolare non esiste. Non mi abituerò mai a quegli orari barbari! Grazie ad un marito complice, sabato si tira dritto fino alle 11-12-13. Il pranzo salta. Si iniziano le pulizie insieme, per fare prima. Nel frattempo va una lavatrice, poi la seconda. Stendo bene, ci perdo tempo ma poi non stiro. Alla fine di tutto scatta una doccia purificatrice ed è finalmente weekend di relax. Passeggiate (tempo permettendo), amici o ozio assoluto sul divano.
Eh.. meno male che c’è il sabato.

Se non segue questo copione sono in crisi: mi sento in colpa se non faccio le pulizie, mi viene l’ansia se non dormo fino a tardi perchè non sto recuperando il sonno arretrato, divento lunatica se non socializzo un po’ oltre le 9 di sera.

4 thoughts on “Il sabato del pendolare (cit. Pendolo0)

  • March 26, 2013 at 8:04 pm
    Permalink

    Ricordo i biei tempi, quando eravamo solo una coppia e i we ci appartenevano… Ma non saprei piú fate a meno do quella dolce droga che é mia figlia…

    Reply
    • March 27, 2013 at 9:27 am
      Permalink

      Infatti un giorno tanta grazia non ci sarà più, ma vuoi mettere la gioia? 🙂 Complimenti mamma pendolare!

      Reply
  • March 26, 2013 at 8:27 pm
    Permalink

    Ciao! Grazie per la citazione! 🙂 E’ interessante vedere i lati comuni e le differenze delle nostre vite oltre il pendolarismo e come riusciamo a gestire e organizzare tutto nonostante il poco tempo…

    Reply
    • March 27, 2013 at 9:29 am
      Permalink

      Già! Spesso condividiamo gioie e dolori della vita da pendolare.. anche durante il fine settimana! 😉 Inevitabilmente anche quello viene influenzato dalla routine lavorativa..

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *