“La vita del pendolare” – una canzone sul tema

C’è chi decide di aprire un blog e chi decide di scrivere una canzone. Questa è la storia di Michele, pendolare per studio, musicista e cantautore. Mi ha scritto pochi giorni fa e questo era il suo messaggio:

“Salve, mi chiamo Michele Mainardi, ho 26 anni e abito a Tarquinia. Da anni per motivi di studio (sono allievo del Conservatorio di Roma) sono costretto a percorrere ogni giorno, o quasi, ben 100 km all’andata e altrettanti al ritorno in treno. Essendo musicista e cantautore, i miei seppur pochi anni di pendolarismo mi hanno dato l’ispirazione per scrivere una canzone sul tema. S’intitola “La vita del pendolare”, è contenuta nel mio primo album (“Senza convenzioni”, 2014) e a mio avviso sembra fatta apposta per voi…magari potete sentirla (è su YouTube, basta digitare “Michele Mainardi La vita del pendolare”) e farmi sapere cosa ne pensate!
Un saluto
Michele”

Io l’ho ascoltata e mi è piaciuta un sacco! La trovo perfetta da ascoltare in treno, perchè la musica ti mette sicuramente di buon umore. E poi, come non riconoscersi in “è la vita del pendolare, di chi ha deciso di farsi male..”.

8 thoughts on ““La vita del pendolare” – una canzone sul tema

  • March 18, 2015 at 9:53 pm
    Permalink

    Ma che carina! delizioso anche il video, complimenti a Michele e grazie a te per avercela proposta

    Reply
    • March 19, 2015 at 11:02 am
      Permalink

      E’ stato un piacere! 🙂

      Reply
  • March 19, 2015 at 12:27 pm
    Permalink

    Vedi che pendolare ha anche effetti positivi? Complimenti a Michele!

    Reply
  • June 18, 2015 at 8:58 am
    Permalink

    Troppo carina! Caro Michele tanta solidarietà, anche io pendolo da Roma ma su un’altra linea. La condividerò 😀 c’è di buono che fare il pendolare ci rende creativi! Quasi dimenticavo, complimenti per il blog 😉

    Reply
    • June 18, 2015 at 9:40 am
      Permalink

      Grazie Mummyinprogress, e complimenti a te per il tuo blog. (Sembra che abbiamo gli stessi gusti in fatto di WordPress! Ahah!) Complimenti anche per il mix “mamma – pendolare”: solo per questo sei già un’eroina ai miei occhi!
      Porterò i tuoi complimenti per la canzone a Michele. 🙂

      Reply
      • June 18, 2015 at 11:09 am
        Permalink

        Grazie 🙂 Fra l’altro è la prima volta che mi capita di vedere lo stesso tema, che io adoro 😉
        In realtà pendolo da poco e sono ancora a orario ridotto… speriamo che mi regga! Ieri ad esempio ho sbagliato treno, succede solo agli inizi vero?!

        Reply
        • June 18, 2015 at 11:16 am
          Permalink

          Anche io non l’avevo mai visto! Comunque tranquilla, presto prenderai le tue abitudini e prenderai il treno giusto per inerzia, senza nemmeno doverci pensare! Ottimizzerai tempi e attività. Questo è secondo me l’unico modo per reggere a lungo! 😉

          Reply
  • Pingback: 5 modi (più uno) di parlare di ritardo | mummy in progress | maternità 2.0

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *