Pendolari alla prima fermata

Quando penso ai pendolari alla prima fermata, penso a tutte quelle persone che anziché prendere il treno al capolinea, lo prendono alla prima fermata che farà il treno. Ad esempio, io salgo a Firenze S.M.N. mentre i pendolari della prima fermata salgono a Firenze Rifredi.

Potrebbe sembrare una piccola differenza, in fondo si prende solo il treno in una zona diversa della stessa città. Eppure il livello di stress a cui si può essere sottoposti cambia e a volte anche di molto. Si, perché puntualmente chi sale alla prima fermata deve fare i conti con borse, zaini, sciarpe, giacche e quant’altro i pendolari del capolinea lasciano nel sedile accanto a sé.

treno_b1--180x140

Il dilemma è sempre quello: il posto sarò occupato veramente o più semplicemente il sedile è diventato un “guardaroba da viaggio”? Se provo ad immedesimarmi penso che debba essere davvero seccante tutte le volte salire in treno, trovare un posto libero (forse) e chiedere se è veramente libero. Sono sicura che prima o poi a qualcuno glielo direi: “ma scusa, è evidente che questo treno si riempirà e anche molto in fretta, perché mi fai creare l’ingorgo in corridoio e non liberi subito il posto?”. Domanda legittima. A conferma della mia solidarietà, lascio sempre libero il posto accanto a me.

Il rituale peggiore però si verifica quando il pendolare alla prima fermata si imbatte nel viaggiatore occasionale che lascia il proprio bagaglio sopra un sedile, perché, diciamolo, il Vivalto non è un treno ideato per i bagagli. Lì ho visto scatenarsi quasi delle risse al grido di “io ho pagato e ho il diritto di sedermi, la valigia la metta dove vuole!”.

Eh si, bei momenti.. Perché poi la storia è sempre quella: ma chi li fa questi treni?

3 thoughts on “Pendolari alla prima fermata

  • January 23, 2013 at 12:10 am
    Permalink

    Le risse per i bagagli non le ho ancora viste, ma ho visto le resse con i bagagli, i bagagli sui sedili, tra i sedili, tra le gambe e sicuramente tra i piedi.

    Reply
    • January 23, 2013 at 8:14 am
      Permalink

      Per fortuna si è sempre trattato di risse verbali, ma in questi casi soprattutto le donne sanno essere molto taglienti! 😉

      Reply
  • Pingback: Ansia da pendolare | Vita da Pendolare

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *