Sciopero 4 settembre 2015

Domani 4 settembre 2015 ci sarà uno sciopero dei ferrovieri, dalle 9 alle 17. Questa mattina, arrivata alla stazione di Firenze SMN ancora assonnata, mi hanno lasciato questo volantino:

Sciopero 4 settembre 2015 - volantino

È la prima volta che, prima di uno sciopero dei ferrovieri, mi capita di ricevere un volantino che spieghi le ragioni dello sciopero e della protesta che si vuole portare avanti. Devo dire che l’ho apprezzato. Senza entrare nel merito delle motivazioni che spingono i ferrovieri a scioperare (che personalmente comunque condivido), ho apprezzato il fatto che per una volta si volesse spiegare ai viaggiatori il motivo di un altro sciopero, di venerdì.

Tante volte ho sentito dire “eh guarda caso gli scioperi li fanno sempre di venerdì”. Spiegare le proprie ragioni aiuta a creare quella solidarietà o comunque quella vicinanza tra due “fazioni” (viaggiatori/pendolari vs ferrovieri) considerate come contrapposte, ma che, a mio avviso, sono spesso due facce della stessa medaglia.

E allora va bene, domani c’è un altro sciopero. Almeno questa volta sappiamo perchè e possiamo decidere se essere o meno solidali. Speriamo solo che duri realmente dalle 9 alle 17.

6 thoughts on “Sciopero 4 settembre 2015

  • September 3, 2015 at 1:43 pm
    Permalink

    Quello che scrivi è giustissimo. Quello che non accetto è che si debba sempre arrivare allo sciopero e mettere in difficoltà la popolazione..
    Sarei anche convinto che, prima di fare sciopero, bisognerebbe potersi confrontare col lavoro svolto.
    Le ferrovie italiane funzionano sempre peggio… ad eccezione della linea veloce Torino – Milano – Roma – Napoli.
    Quindi: “Prima mi comporto bene, poi faccio sciopero”.
    Buon pomeriggio.
    Quarc

    Reply
    • September 3, 2015 at 2:18 pm
      Permalink

      Il tuo punto di vista è interessante Quarc. Sono d’accordo con te, lo sciopero non dovrebbe essere l’unica carta da giocare. Il mio timore è che quel “Prima mi comporto bene, poi faccio sciopero” sia legato a due livelli aziendali distinti, che non sempre condividono gli stessi obiettivi: “Prima mi comporto bene” dovrebbe competere al livello dirigenziale, forse troppo attento a logiche di profitto, “poi faccio sciopero” credo sia relegato ad un livello più basso e operativo. Spero di essermi spiegata bene!
      Buon pomeriggio anche a te! 🙂

      Reply
      • September 3, 2015 at 2:24 pm
        Permalink

        Il: “Prima mi comporto bene, poi faccio sciopero” è rivolto a tutti… dall’alto al basso… se così fosse i treni sarebbero in orario, i gabinetti puliti, i dipendenti soddisfatti e i viaggiatori sereni.
        Ciao.
        Quarc

        Reply
  • Pingback: Sciopero dei ferrovieri in Toscana: è emergenza sicurezza? - #BassaVelocità

    • September 4, 2015 at 3:02 pm
      Permalink

      Si, forse dati alla mano le % non sono così spaventose. Ma credo che comunque certe condizioni di lavoro vadano sempre garantite. Apprezzo in ogni caso il tuo punto di vista sempre preciso e puntuale! 🙂
      Per la foto, non c’è di che!

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *