Incontri pendolari 2.0

Il caso a volte ci regala delle piacevoli soprese! Ieri sera ho passato una divertente serata con “le bimbe della pallavolo”, variegato gruppo di ragazze con cui ho avuto il piacere di giocare un campionato amatoriale nel 2012 a Livorno. Chiacchiera, ridi e chiacchiera ancora, abbiamo fatto tardi e questa mattina non ho preso il treno al solito orario perché proprio non ce la potevo fare ad alzarmi alle 5:30. E allora, ho posticipato la sveglia di un’ora e preso il treno successivo.

Salgo comunque fortemente insonnolita, il treno parte e poco dopo mi addormento. Arriviamo alla stazione di Pisa Centrale, mi sveglio, guardo fuori dal finestrino e tra i passeggeri in attesa di salire riconosco Nicola Carmignani, un “giovane freelance che opera nel mondo del web” (come dice lui stesso nel suo sito).

Appena l’ho visto ho pensato “nooo, guarda chi è lui!”. L’ho riconosciuto perchè seguo il suo profilo Instagram e l’ho visto spesso interagire (sempre via Instagram) con il team di Igerslivorno.

Presa dall’entusiamo ho twittato:

Ne è nato un simpatico scambio via Twitter che è culminato con un caffè preso insieme al bar. Fa piacere quando una forte passione per il web rende incontri di questo tipo quasi naturali, come se davvero tu stessi prendendo un caffè al bar con qualcuno che conosci da tempo.

Nicola mi ha raccontato del suo periodo di pendolarismo, in macchina tra Pisa e Volterra. Decisamente una forma di pendolarismo estremo, visto che era costretto a fare circa un’ora e mezzo di macchina ad andare e a tornare, affrontando anche la neve durante l’inverno. E’ durata qualche mese, poi inevitabile il trasferimento.

Quattro chiacchiere, il tempo di un caffè e via, io mi dirigo verso l’ufficio e Nicola verso il suo prossimo treno. Certo che potevamo anche immortalare l’incontro con una foto! Comunque, è stato un modo originale e piacevole di inziare la giornata.

Grazie ancora per il caffè Nicola!