Vuoi accedere al binario? Biglietto prego!

Sull’abusivismo in stazione a Firenze credo di aver già scritto abbastanza. Mi ero ripromessa di abbandonare l’argomento per un po’ e non accanirmi sul tema nonostante sia sotto i miei occhi ogni giorno.

Martedì scorso stavo andando verso il binario 2 della stazione di Firenze SMN dove avrei preso il treno per Livorno Centrale delle 15. Orario insolito per me, come insolita è l’accoglienza che ho trovato.

In cima al binario, all’altezza della prima carrozza c’era come sempre il capotreno. Martedì però era accompagnato da un uomo con una pettorina blu. Insieme si assicuravano che chiunque accedesse al binario 2 avesse con sé un biglietto valido. Non mi era mai capitato da quando sono state prese le ormai note misure di lotta all’abusivismo in stazione.

A parte la seccatura di tirare fuori l’abbonamento dal portafoglio, non ho avuto problemi a salire in treno. Non è stato così per altre due persone che davanti a me hanno tentato di accedere al binario senza successo.

Erano un ragazzo e una ragazza. Non stavano camminando insieme, ma entrambi hanno fatto finta di nulla quando gli è stato chiesto di mostrare il biglietto. Il ragazzo ha avviato una negoziazione cercando di spiegare che voleva solo camminare lungo il binario, non doveva prendere il treno ma voleva solo raggiungere i binari 3 e 4. Questa spiegazione non ha convinto l’uomo della sicurezza che non l’ha lasciato passare.

Mentre il ragazzo cercava di spiegare la sua posizione, la ragazza ha tentato di incamminarsi lungo il binario costeggiando il muro. Capotreno e uomo della sicurezza se ne accorgono e chiamano la ragazza. Piccolo particolare: la ragazza era di colore e uno dei due ha pensato carinamente di attirare la sua attenzione chiamandola “Bionda! Il biglietto!”.

Lei, probabilmente a causa dell’imbarazzo per essere in difetto, ha sorriso ed è tornata indietro senza polemizzare su quel “Bionda” che francamente, al di là del possibile intento discriminatorio, dimostra una confidenza da parte dell’uomo decisamente fuori luogo. Non so come sia andata a finire perché sono salita in treno ma immagino che per lei l’epilogo sia stato lo stesso dell’altro ragazzo.

Non mi siedo alla prima carrozza perché non funzionava l’aria condizionata. Vado avanti fino alla seconda, mi siedo, guardo fuori dal finestrino e mi ricordo che al binario 2 si può accedere anche da un secondo punto.

Infatti chi frequenta spesso la stazione di Santa Maria Novella sa che andando lungo il binario 5 si può arrivare non solo all’inizio del binario 4 e 3, ma girando a sinistra si può arrivare tranquillamente a metà del binario 2.

E se lì non c’è nessuno che controlla.. si potrebbe facilmente rendere nullo anche il controllo fatto in testa al binario 2. Fatta la legge, scoperto l’inganno!

9 thoughts on “Vuoi accedere al binario? Biglietto prego!

  • September 10, 2014 at 4:59 pm
    Permalink

    Ehehe i segreti di Santa Maria Novella… il giovedì (o il martedì, non ricordo…) pomeriggio si può passare dal binario 2 al binario 5 e viceversa attraverso la cappellina 😀

    Reply
    • September 11, 2014 at 8:22 am
      Permalink

      La cappellina!! E’ vero, quel passaggio è un altro escamotage per evitare i controlli. Chi si metterebbe mai tra un pio cattolico che esce dalla cappella della stazione e sale in treno! 😉

      Reply
      • September 11, 2014 at 10:25 am
        Permalink

        E se non ti fanno passare puoi sempre dire che stai andando a pregare (pregare che arrivi il treno, ovviamente) 🙂

        Reply
  • September 10, 2014 at 8:36 pm
    Permalink

    Attenta che potresti essere accusata di favoreggiamento, biondina

    Reply
    • September 11, 2014 at 8:25 am
      Permalink

      Ahahah! Favoreggiamento? Io, con i miei ricci da angioletto? 😉 Che dire allora della mente geniale di Pendolo0 che ha pensato anche alla cappellina che collega i due binari in questione? Ihih!

      Reply
  • September 14, 2014 at 2:38 pm
    Permalink

    Ma sai che quando hanno chiesto il biglietto a me, che di solito parto dal binario 1, ho pensato: quasi quasi scrivo due righe su questa novità 🙂 ?

    Reply
    • September 15, 2014 at 8:06 am
      Permalink

      Ahahah! Non staremo mica diventando monotoni sull’argomento? Comunque dovrebbero fornire ai pendolari un tesserino come quello che ti consegnano agli eventi. Lo appendi al collo con un bel nastro brandizzato Trenitalia e quando sei al binario lo mostri come se fossi un pezzo grosso e la strada davanti a te si apre per lasciarti passare. Almeno il controllo sarebbe un po’ più figo… 😉

      Reply
  • Pingback: Ancora controllo del biglietto per accedere al binario | Vita da Pendolare

  • February 5, 2016 at 9:11 am
    Permalink

    Se questa regola vale per tutte le stazioni, perché nel treno c’è una voce che dice che si possono comprare i biglietti a bordo con un sovrapprezzo di soli 5 euro?

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *